top of page

costruire una comunità energetica è possibile

Aggiornamento: 14 apr 2023


"Tutto quello che devi sapere sulle comunità energetiche"



Partiamo dall'inizio, e capiamo insieme che cos'è una comunità energetica:


Una comunità energetica è un' ASSOCIAZIONE TRA CITTADINI, ENTI PUBBLICI E P.M.I. che uniscono le forze per produrre, scambiare e consumare energia su scala locale.



Il motivo primario che spinge alla creazione di queste vere e proprie comunità è la lotta comune allo spreco energetico, in modo da condividere energia a prezzi vantaggiosi e con la possibilità di ridurre notevolmente le emissioni di CO2.


linee guida per conoscere al meglio le comunità energetiche


Una volta che abbiamo chiaro in mente che cos'è una comunità energetica, è necessario in secondo luogo capire qual è il suo scopo, la sua funzione e i suoi vantaggi.


 

Qual è lo scopo della comunità energetica?



Le comunità energetiche sono il veicolo di applicazione della direttiva RED II, uno dei pilastri della politica ambientale Europea. Beneficeranno di finanziamenti del PNRR (Piano Nazionale Ripresa e Resilienza)


L'obiettivo è quello di fornire benefici ambientali, economici o sociali ai membri e alle aree

locali in cui opera.


POSSONO COMUNQUE EROGARE SERVIZI:

  • Efficienza energetica

  • Servizi di ricarica veicoli elettrici

  • Servizi di vendita dell'energia

  • Servizi di rete di flessibilità

 

Come funziona una comunità energetica e chi può farne parte?


Prima di capire come funziona di fatto una comunità Energetica è opportuno precisare che TUTTI POSSONO FARNE PARTE IN MODO VOLONTARIO (nella nuova bozza di decreto sono però posti dei vincoli sull'uscita).


ALL’INTERNO DELLA CER SONO PRESENTI PIÙ SOGGETTI


CONSUMATORI DI ENERGIA (CONSUMER) :

sono i soggetti che consumano energia (i propri consumi rilevano nel computo dell'energia condivisa e partecipano alla riparazione degli incentivi).


PRODUTTORI (PRODUCER) :

sono persone fisiche/giuridiche che producono energia da impianti a fonti rinnovabili (a farlo può essere la CER stessa o un suo membro).


PROSUMER :

sono persone fisiche/giuridiche che dispongono di un impianto fotovoltaico utilizzato per soddisfare i propri consumi e che al tempo stesso prelevano ed immettono energia dalla rete.


REFERENTE :

è un membro nominato dalla CER che agisce come aggregatore di intenti tra i membri, è il referente per il GSE.


PARTNER TECNICI :

sono soggetti che supportano la configurazione della CER (dalla forma giuridica alla gestione amministrativa).




PER CAPIRE COME FUNZIONA UNA CER BISOGNA CAPIRE COME FUNZIONA UN IMPIANTO FOTOVOLTAICO

I produttori e i clienti finali non sono collegati direttamente tra di loro ma l'energia viene condivisa tramite la rete pubblica e calcolata facendo un bilancio energetico.


Per promuovere la coincidenza tra produzione, consumo e l'utilizzo di sistemi di accumulo, è stata stabilita una tariffa incentivante per remunerare l'energia AUTO CONSUMATA ISTANTANEAMENTE.

La tariffa premio, espressa in €/mwh, viene determinata utilizzando una specifica formula che tiene conto della potenza dell’impianto e del prezzo zonale.



Ecco un esempio di CER con 3 utenze, di cui una direttamente connessa all'impianto e due che prelevano dalla rete - bilancio orario


L'UTENTE 1 utilizza l'energia prodotta dall'impianto fotovoltaico ed avrà un risparmio diretto in bolletta, mente gli UTENTI 2-3 prelevano esclusivamente energia, per loro il costo diretto in bolletta non cambia ma contribuiscono a far maturare l'incentivo sull'energia condivisa.


 


Possiamo racchiudere i vantaggi in tre grandi gruppi:


ECONOMICI: grazie ad un risparmio importante in bolletta, una riduzione delle perdite di trasporto, una vendita di energia ad un prezzo calmierato e una possibilità di accedere ai fondi del PNRR.


SOCIALI: grazie alla riduzione della povertà energetica.


AMBIENTALI: grazie alla diminuzione delle fonti fossili e della riduzione di emissioni di gas serra.



LA BUONA NOTIZIA è che clienti finali e produttori potranno continuare a vendere e comprare energia elettrica liberamente.

Le CER non hanno limite di numero di impianti, hanno però un limite di potenza per singolo impianto che è 1MWp.


Gli impianti esistenti possono rientrare nel limite della CER per un massimo del 30% DELLA POTENZA TOTALE


 

QUALI SONO I PASSAGGI PER COSTITUIRE UNA CER?


 

Se ti è piaciuto il nostro articolo, ma vorresti andare ancora più nel dettaglio, non esitare a contattarci alla e-mail info@energeticacuneo.it per richiedere maggiori informazioni.



Seguici sui nostri canali Social!












Post recenti

Mostra tutti

Comments


bottom of page